sabato 13 febbraio 2016
Home / Blackberry / RIM si accorda con Microsoft per la licenza di exFAT

RIM si accorda con Microsoft per la licenza di exFAT

RIM & Microsoft


RIM e Microsoft hanno siglato un accordo. Niente licenze di sistemi operativi, niente mega-operazioni di borsa. Più semplicemente Microsoft ha concesso a RIM la licenza di utilizzo di exFAT, file system proprietario della casa di Redmond.

Il file system rappresenta il modo in cui i dati vengono allocati sulla memoria e non solo. Quello di cui si parla qui è l’ultima versione introdotta da Microsoft del più noto file system FAT (File Allocation Table). exFat è infatti la versione estesa di FAT (per questo chiamata FAT64) ed ha le seguenti caratteristiche salienti:

  • limite (teorico) delle dimensioni di un singolo file di16 Exabytes;
  • possibilità di memorizzare più di 1000 file per cartella;
  • migliore allocazione dello spazio libero

Con questo accordo RIM si garantisce la possibilità di utilizzare questa tecnologia sui suoi futuri dispositivi che permetterà di migliorare notevolmente l’utilizzo delle memorie flash e la portabilità dei dati, e consentirà la gestione di file multimediali di notevoli dimensioni.

Un importante tassello per lo sviluppo dei futuri dispositivi di casa RIM per la loro parte multimediale ma non solo!

A seguire il comunicato stampa:

Microsoft Signs Licensing Agreement With Research In Motion

exFAT file technology helps mobile industry leader provide cutting-edge capabilities to customers.

REDMOND, Wash., Sept. 18, 2012 /PRNewswire/ — Microsoft Corp. announced today that Microsoft and Research In Motion (RIM) have signed a patent licensing agreement that gives RIM broad access to the latest Extended File Allocation Table (exFAT) for certain BlackBerry® devices of RIM. exFAT is a modern file system from Microsoft that facilitates large files for audiovisual media and enables seamless data portability and an easy interchange between desktop PCs and other electronic devices.

exFAT improves on its predecessor, the FAT system, and greatly expands the size of files that flash memory devices can handle by five times over previous FAT technology. It also increases the speed with which those files can be accessed. The exFAT file system not only facilitates large files for use of audiovisual media, it enables seamless data portability and an easy interchange between desktop PCs and a variety of electronic devices.

“Today’s smartphones and tablets require the capacity to display richer images and data than traditional cellular phones,” said David Kaefer, general manager of Intellectual Property (IP) Licensing at Microsoft. “This agreement with RIM highlights how a modern file system, such as exFAT can help directly address the specific needs of customers in the mobile industry.”

Microsoft’s Commitment to Intellectual Property Collaboration

Microsoft offers flexible IP licensing programs that give companies access to many of the foundational technologies in its own products, allowing those companies to build devices, applications and services that work seamlessly with each other.

Since Microsoft launched its IP licensing program in December 2003, the company has entered into more than 1100 licensing agreements and continues to develop programs that make it possible for customers, partners and competitors to access its IP portfolio. The program was developed to open access to Microsoft’s significant R&D investments and its growing, broad patent and IP portfolio.

Microsoft has entered into similar licensing agreements with several leading consumer electronics manufacturers through its IP licensing program, including Panasonic Corp., SANYO Electric Company Ltd., Sony Corp. and Canon Inc.

More information on Microsoft’s IP licensing program is available at http://www.microsoft.com/iplicensing, and information specifically related to Microsoft’s exFAT licensing program is available at http://www.microsoft.com/about/legal/en/us/intellectualproperty/iplicensing/programs/exfatfilesystem.aspx.

Founded in 1975, Microsoft (Nasdaq “MSFT”) is the worldwide leader in software, services and solutions that help people and businesses realize their full potential.

Chi è Nux

Vedi Anche

BlackBerry 10

BlackBerry, lo strano caso dei prezzi dei terminali che non scendono

BlackBerry, lo strano caso dei prezzi dei terminali che non scendono. BlackBerry 10 è morto; …

5 Commenti

  1. Odio non ci ho capito tanto. RIM potrà leggere le unità di memoria che utilizzeranno il formato fatto ( io sapevo che era più recente l ntfs )o utilizzerà lei questo formato abbandonando il proprio?!?!?!!?

    • Ti spiego meglio. Quando formatti una chiavetta, in genere utilizzi un filesystem detto FAT32. È uno standard, poiché viene letto anche da Mac OS X e da Linux. Il problema è che è obsoleto e tra le tante pecche, non permette di registrare file più grandi di 4,5 Gb. E come prestazioni lascia a desiderare. exFAT, detto anche FAT64, permette di immagazzinare file di qualsiasi dimensioni e dà poi prestazioni migliori, cosa che si apprezzerà in particolare sui dispositivi mobili. NTFS è recente sì, ma è uno standard “più proprietario”, e non so neanche se sia possibile utilizzarlo con sistemi che non siano Windows Vista o 7 o 8. E poi, senza appositi programmi, Mac e Linux non lo leggono. Per cui, FAT64 è un bel passo in avanti, anche se io lo ritengo comunque obsoleto, poiché in confronto l’HFS+ Journaled di Mac, anche se vecchio anch’esso, è tutt’altra cosa.

      I vantaggi li ha già scritti Nux.

    • Ah, non so se era chiaro nella mia spiegazione: ovviamente si parla delle memorie Flash integrate nel dispositivo (la memoria di default insomma), se ho capito bene. Ovviamente ciò si estende anche alle microSD, sperando che i BB 10 le supporteranno senza costringerci a pagare la memoria come Apple (cosa che ritengo assurda nel 2012).

  2. Grazie dario sei stato molto professional xd :)

    • Ringrazio anche io Dario per aver risposto.
      Ho cercato di essere il più semplice possibile :)

      PS: con i film in HD che diventano sempre più pesati anche 16 EB non bastano più! 😀

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *